Ott
25

Giardino Magnetico

posted on ottobre 25th 2016 in with 0 Comments

Quando:
13 novembre 2016–2 dicembre 2016 giorno intero
2016-11-13T00:00:00+01:00
2016-12-03T00:00:00+01:00

Ispirato al magnum opus di Alvin Curran, Giardino Magnetico è il nuovo format multidisciplinare realizzato da Islands, Communion e Artetetra in collaborazione con GALLLERIAPIÙ, realtà poliedrica per l’arte contemporanea con sede nel distretto culturale della Manifattura delle Arti di Bologna, vera e propria cassa di risonanza per progetti e produzioni contemporanee di stampo performativo e sonoro.

Tra i promotori della rassegna, Islands è il collettivo artistico già a capo della direzione creativa dell’ultima edizione di IMAGO, festival di arti sonore e visive patrocinato nel 2015 dal Comune di Bologna e da l’Istituzione Bologna Musei, ospitato nello stesso anno dal Museo Civico Medievale e dalla Certosa di Bologna; Communion è il collettivo nato dall’esperienza di occupazione degli spazi di M^C^O (nuovo centro per le arti, la cultura e la ricerca con sede  a Milano in viale Molise) che ha di recente intrapreso l’attività di produzione discografica; Artetetra è un’etichetta discografica che vanta già diverse pubblicazioni accolte con interesse dalla stampa internazionale specializzata.

Il percorso audiovisivo di Giardino Magnetico, programma curato e promosso collettivamente dalle entità descritte in collaborazione con la galleria di via del Porto 48 a/b, si articolerà in una serie di interventi artistici accomunati da una ricerca di carattere naturalistico ed esotistico, capaci di innescare un cortocircuito tra l’esperienza e il non vissuto, evidenziare nessi e discrepanze tra paesaggi, sonorità, popolazioni, immaginari ed esistenti.

Quattro gli appuntamenti annunciati, tutti a ridosso dei mesi di novembre e dicembre 2016, di cui tre si terranno negli spazi di GALLLERIAPIÙ (13 e 17 novembre, 2 dicembre) con proiezioni inedite, installazioni ed  esibizioni di artisti locali ed internazionali attivi nel campo della sound art e della sperimentazione sonora; uno, la lecture di Laurent Jeanneau – etnografo e musicista nomade conosciuto nella scena internazionale con lo pseudonimo di Kink Gong –, è previsto il 30 novembre presso la Scuola di Antropologia culturale e etnologia della Facoltà di Lettere e beni culturali dell’Alma Mater Studiorum Università di Bologna.

 

CALENDARIO

> domenica 13 novembre, h 19.30 @ GALLLERIAPIÙ

LES HALLES & MAGNÉTOPHONIQUE (duo) in concerto
Baptiste Martin (Les Halles) vive e lavora Montpellier, pubblicando i suoi lavori su Not Not Fun Records. Charles Belpois (Magnétophonique) vive a Parigi e pubblica i suoi lavori su Carpi Records.
Il loro progetto collaborativo è focalizzato nella costruzione di textures sonore dai tratti eterei e ultraterreni, realizzate principalmente mediante l’uso di campionamenti di flauti amerindi, sintetizzatori analogici e field recordings. Meditazioni atemporali verso una nuova New Age.

LOTO RETINA in concerto       
Loto Retina è il moniker sotto cui si cela il giovane artista francese Mac Noddy, già attivo con diverse pubblicazioni su Carpi Records e attualmente in rampa di lancio nel prestigioso circuito dell’etichetta statunitense Orange Milk Records. Il percorso di ricerca che caratterizza il suo progetto musicale è incentrato sul campionamento e détournement di pattern sonori di provenienza eterogenea (videogiochi, jingle di spot pubblicitari, videoclip presi da youtube), volto alla creazione di tappeti sonori dai tratti lunari e di atmosfere dada e lo-fi.

BABAU in concerto     
Babau è un duo marchigiano di base a Bologna. Il loro suono distintivo può definirsi un’exotica di tipo alieno e distopico, dalla cadenza kosmische, realizzato mediante la ricerca e reinterpretazione di ritmi e melodie provenienti da culture esotiche. A Giardino Magnetico proporranno un nuovo set intitolato “Healing Jaipongan program”.

INTERNET HOLIDAYS™, proiezione a cura di Cheap Galapagos e Hybrid Palms

I. H. è il nuovo lavoro collaborativo di Cheap Galapagos (Italia) e Hybrid Palms (Russia). Un melting pot audiovisivo di paesaggi reali e virtuali realizzato riprendendo gli stereotipi più diffusi nell’Occidente per la commercializzazione di viaggi turistici verso mete esotiche, nel periodo che va dagli anni Cinquanta agli anni Ottanta. Spiagge dorate con palme giganti sparse intorno, acque cristalline rigogliose di faune animali semi-sconosciute, giganteschi centri commerciali traboccanti di souvenir, porteranno l’immaginazione dello spettatore a intraprendere una vacanza full-comfort dalla sua routine quotidiana mediante l’uso delle poderose funzionalità di Internet.

> giovedì 17 novembre, h 21 @ GALLLERIAPIÙ

PAOLO TARSI in concerto       
Paolo Tarsi è un giovane pianista, musicologo e compositore marchigiano, già membro del collettivo Argo, con cui prende parte alla pubblicazione di una serie di romanzi collettivi. La sua produzione musicale può definirsi come un campo aperto in cui le marcate influenze della musica minimalista americana (Terry Riley, Philip Glass, Steve Reich) convivono con riferimenti appartenenti a ulteriori e dissimili esperienze, tra cui le avanguardie del Novecento, la musica elettronica, il post-rock, la visione ambient di Brian Eno e la psichedelia dei Pink Floyd di Richard Wright, se non anche un certo tipo di jazz legato alla contemporaneità. Nel 2015 la Trovarobato pubblica il disco di debutto, “Dream In A Landscape”, interamente dedicato a John Cage. Nello stesso anno la storica Cramps, ideata da Gianni Sassi, si occuperà della pubblicazione di “Furniture Music For New Primitives”, concept-album ispirato a “Le Città della Notte Rossa” di William S. Burroughs, lavoro a cui partecipano, tra gli altri, oltre a Paolo Tofani (Area), musicisti quali Enrico Gabrielli (Afterhours, Calibro 35), Sebastiano De Gennaro (Baustelle), Junkfood, Quartetto Maurice e Roberto Paci Dalò.

> mercoledì 30 novembre, h 10.30 @ Antropologia culturale, Università di Bologna 

Lecture di Laurent Jeanneau (Kink Gong) alla Scuola di Antropologia culturale ed etnologia, Facoltà di Lettere e beni culturali, Alma Mater Studiorum Università di Bologna. Per maggiori informazioni si rimanda al sito della Scuola.

> venerdì 2 dicembre, h 21 @ GALLLERIAPIÙ

KINK GONG in concerto          
L’identità artistica di Laurent Jeanneau, etnografo DIY e musicista nomade conosciuto nella scena internazionale con lo pseudonimo di Kink Gong, nasce e si forma in un periodo imprecisato tra il 1991, data in cui risale il suo primo viaggio solitario in Kenya e Nigeria, e il 1999.

Da allora, nel corso di molti viaggi nel Sud-Est asiatico (Cambogia, Laos, Vietnam, Cina e Thailandia), Jeanneau ha documentato e registrato le tradizioni musicali locali di minoranze etniche le cui culture sono fortemente minacciate dalla modernizzazione. Estratti delle sue scoperte, che si concentrano soprattutto sulla musica cerimoniale per voci e percussioni, sono stati pubblicati dalla sua etichetta personale e dalla Sublime Frequencies di Alan Bishop. Inoltre, Jeanneau utilizza le registrazioni come punti di partenza per i suoi esperimenti elettroacustici, poi amplificati da altre registrazioni sul campo. In queste composizioni sonore, pubblicate in massima parte dalla londinese Discrepant (con “Erhai Floating Sound” uscito nel 2015 su Artetetra), le tradizioni e le avanguardie di una vasta gamma di luoghi si fondono con riflessioni e statuizioni contemporanee.

DAVIDE BARTOLOMEI in concerto       
Davide Bartolomei (Lugo, 1990), diplomato in pittura, studia Arti Visive all’Accademia di Belle Arti di Bologna. Le sue prime composizioni elettroacustiche si presentano come lunghi loop a canone di rumori di terra, cavi e segnali acustici modulati con pedali da chitarra. La sua ultima evoluzione lo vede coinvolto in un tentativo più profondo di organizzazione del rumore, in un’indagine sulle capacità compositive e fisiche dello strumento, volti a valorizzare una vena ambient più morbida, melodica e bisognosa di armonia.

TODESTRIEBE, installazione di Valerio Maiolo
Studente di musica elettronica al Conservatorio Martini di Bologna, Valerio Maiolo è un compositore elettroacustico, musicista e performer, già tastierista nell’ensemble rock bolognese dei Sex with Giallone. Nel suo progetto personale, Maiolo costruisce/deduce e programma spazi spettrali nei quali muoversi con armonica e voce. Negli ultimi anni ha collaborato al progetto di improvvisazione elettroacustica con conduction di Francesco Giomi (Tempo Reale), pubblicando la composizione in tre atti “принцессы не какают” (trad. “Le principesse non defecano”) in “Landscape Suicide”, disco collaborativo con Nicola Tirabasso pubblicato su nastro magnetico da Artetetra nel 2015. Todestriebe, nuova installazione di Maiolo pensata per Giardino Magnetico, consiste in un’esperienza elettroacustica basata sulla locomozione nello spazio spettrale.

 

Artisti
Les Halles: http://halles.bandcamp.com/

Magnétophonique: http://magntophonique.bandcamp.com/
Loto Retina: http://lotoretina.bandcamp.com/
Babau: http://babau.bandcamp.com/
Cheap Galapagos: http://artetetra.bandcamp.com/album/internet-holidays-2
Hybrid Palms: http://hybridpalms.bandcamp.com/
Paolo Tarsi: http://facebook.com/Alisnontarsis/
Emiliano Zucchini: http://www.emilianozucchini.com/
Laurent Jeanneau / Kink Gong: http://kinkgong.net/
Davide Bartolomei: http://soundcloud.com/davide-bartolomei/
Valerio Maiolo: http://soundcloud.com/ilio-vasilema/

 

Identità visiva

Emanuele Luppino: http://www.behance.net/emanueleluppino

 

Organizzazione

Islands exp: http://www.facebook.com/islandsexp/
Communion: http://www.comunioneuniversale.com/
Artetetra: http://www.facebook.com/tetraarterecords/

 

Contatti

Francesco Antonio Polimeni (ISLANDS)
+393343080397 | anpolimeni@gmail.com

GALLLERIAPIÙ
+390516449537 | info@gallleriapiu.com