Ott
31

Apparatus 22 | Subtitles @ Edicola Radetzky

posted on Ottobre 31st 2017 in with 0 Comments

Quando:
8 Novembre 2017–23 Gennaio 2018 giorno intero
2017-11-08T00:00:00+01:00
2018-01-24T00:00:00+01:00

Apparatus 22 – Subtitles
a cura di Clara Madaro

Edicola Radetzky
Viale Gorizia (Darsena) – Milano
www.edicolaradetzky.it

con un interevento su Radio Banda Larga | www.radiobandalarga.it
_________________________________________________________

Il nome scelto dagli Apparatus 22 per il loro doppio intervento all’Edicola Radetzky e a Radio Banda Larga è Subtitles C1-C2, in riferimento al cinema e all’idea di tradurre in inglese le inspiegabili emozioni estratte da un mondo (quasi)impossibile.
L’architettura dell’Edicola Radetzky diventa così una capsula in cui speciali emissari forniscono testimonianze da SUPRAINFINIT per iniziarci a un sistema di pensiero in cui la speranza è usata come strumento critico per la società.
Solitamente la critica si fonda sulla razionalità- intesa come assenza di contraddizioni o come la loro conciliazione o la loro sistematizzazione- mentre la speranza autentica è intrinsecamente paradossale.
Fondendo la critica e la speranza l’una con l’altra, assistiamo a un tanto doloroso, quanto affascinante cambio di paradigma che non permette né l’illusione di un metalinguaggio, né pensieri di comodo. Tale cambiamento è anche un test sia per il potere del linguaggio come forza recondita, sia per i suoi limiti nel descrivere questo processo.
Una faccia della medaglia è Subtitles C1 che è l’installazione all’interno di Edicola Radetzky dove l’esperienza del SUPRAINFINIT è completamente destabilizzante- hope is mindfuck- perché la vera speranza è davvero scivolosa da afferrare. Così, tagliando le nostre menti con chiara nitidezza cristallina, questi pensieri potrebbero sconcertare chi trova più semplice crogiolarsi nel pessimismo e nell’amarezza.
L’altra faccia della medaglia è Subtitles C2 un intervento radio che evoca la resa al sentimento di esaltazione collettiva per l’avvento del SUPRAINFINIT e allude all’immensa eccitazione per la notizia di un nuovo fiero mondo.